Quando la comunicazione interna migliora le performance aziendali e attrae talenti

Chi comunica bene produce valore e attrae persone di valore.

È uno dei principi fondamentali del marketing interno, che applico nella mia attività di direzione del personale in outsourcing.

La comunicazione interna avviene su due livelli: c’è la comunicazione “funzionale” e quella “istituzionale”.

 

La comunicazione interna funzionale: dalle email ai social network interni

L’obiettivo della comunicazione “funzionale” è quello di far circolare le informazioni utili per la corretta esecuzione del lavoro. Ma c’è di più: un buon flusso di informazioni può anche contribuire allo sviluppo di nuove idee. Peccato che una delle lamentele più diffuse nelle aziende riguardi proprio i flussi di comunicazione interna che spesso vengono giudicati (a tutti i livelli) poco efficaci o addirittura inesistenti.

comunicazione interna, emailGli strumenti classici e ancora più usati per la comunicazione funzionale sono le email e le riunioni, strumenti che spesso vengono usati in modo indiscriminato. Una molteplicità di riunioni inconcludenti, un rimpallo di email con una lunga lista di persone in cc rendono la comunicazione interna disfunzionale.

Spesso si affida la responsabilità di migliorare i flussi a un corso di comunicazione, come se la “colpa” fosse dei dipendenti. In realtà l’azienda può fare molto per favorire la comunicazione funzionale.

In primo luogo, la comunicazione è più facile e fluida là dove sono chiari i ruoli e gli obiettivi delle persone. In secondo luogo servono direttive chiare sull’uso degli strumenti di comunicazione. Ma anche in questo la cultura aziendale può fare la differenza.

Un esempio di soluzione tecnica per migliorare il flusso di comunicazione all’interno dell’azienda è quello di CERVED, che ha risolto la propria “distanza” fra sedi mediante la strutturazione di un social network aziendale che permette uno scambio di informazioni e una collaborazione con tutti i collaboratori in tutte e 40 le sedi italiane.

 

La comunicazione interna istituzionale: dalle circolari alla disposizione degli spazi

La comunicazione “istituzionale” è quella top-down, ovvero quella dell’azienda verso i dipendenti. I suoi strumenti possono essere diversi: si va dalle classiche circolari interne fino agli eventi aziendali. Anche l’organizzazione e l’aspetto degli spazi di lavoro possono rientrare nella comunicazione interna.

Obiettivo della comunicazione “istituzionale” dovrebbe essere quello di aumentare l’engagement del personale e l’allineamento verso gli obiettivi aziendali. L’uso del condizionale è significativo. Spesso infatti le aziende si dimenticano questo importante obiettivo e si dimenticano anche che la comunicazione istituzionale interna deve essere espressione della cultura aziendale.

Là dove la comunicazione è distonica, ovvero non è allineata con i valori aziendali, le persone valide abbandonano il campo.

Pensiamo, ad esempio, al caso di un’azienda padronale che viene acquisita da una multinazionale americana.

Gli uffici vengono trasformati in ambienti di stile Silicon Valley: open space che favoriscono l’incontro attraverso attività anche ludiche e tipiche di realtà più creative. Di contro, però, le persone vengono pressate con richieste di risultati troppo ambiziosi e quindi sottoposte a ritmi stressanti di lavoro.

Risultato: l’azienda perde involontariamente risorse mature e valide (di solito chi resta è chi non vede altre opportunità) e attrae gente ambiziosa, ma in una fase ancora precoce della carriera e con poca esperienza per poter veramente raggiungere risultati in così poco tempo.

 

Un esempio virtuoso di comunicazione interna istituzionale

Un esempio virtuoso di comunicazione interna è quello dato da Salvagnini, azienda in provincia di Vicenza che opera in un settore, il metalmeccanico, molto tradizionale, eppure ha deciso di applicare nuove metodologie organizzative. L’azienda ha da sempre comunicato un grande impegno nel sociale e una valorizzazione nelle risorse, testimoniati in modo molto coerente da una capacità di ascolto delle proprie persone che ha portato a ridurre l’orario di lavoro e mantenere altissimi livelli di performance e permanenza del personale in azienda, come testimoniato nell’intervento de Il Sole 24 Ore.

Anche il sito aziendale è coerente. In Home page, oltre ai prodotti c’è un riquadro dedicato alle persone ed è chiaramente indicato quali sono i principi alla base di ogni ricerca, prima ancora delle competenze. È chiaro l’obiettivo dell’azienda di volere dipendenti il più possibile ingaggiati, quale valore aggiunto della propria attività.

 

Quando la comunicazione istituzionale è coerente con i valori aziendali e i flussi di comunicazione interni sono funzionali al raggiungimento degli obiettivi, si lavora meglio e le persone sono più produttive e più soddisfatte.

Tutto ciò ha anche un effetto positivo sull’esterno, perché i dipendenti soddisfatti diventano dei brand ambassador, parlano bene della propria azienda e attraggono altre persone che condividono gli stessi valori aziendali.

 

Come comunica la tua azienda?

Vuoi valutare l’efficacia della tua comunicazione interna e capire quali possono essere le aree di miglioramento? Contattami per effettuare una survey.